Cibi fritti e sovrappeso

Cibi fritti e sovrappeso: scoperto perchè alcune persone ingrassano più di altre

Mar 27 • Cibo e salute • 1417 Views • Nessun commento su Cibi fritti e sovrappeso: scoperto perchè alcune persone ingrassano più di altre

Adori le patatine fritte? Prima di ordinare la tua prossima porzione è meglio se ti accerti di non avere il “fat-gene”. Infatti, secondo uno studio pubblicato sul prestigioso British Medicine Journal, i cibi fritti fanno ingrassare le persone predisposte geneticamente all’obesità 2 volte più di quelle ..più fortunate!

A cura della Redazione

Davanti ad un piatto di patatine fritte o alla frittura di pesce talvota capita di pensare “forse non dovrei..”. Secondo un nuovo studio, alcuni di noi non solo dovrebbero pensarlo ma dovrebbero anche astenersi dal mangiare il cibo fritto se tengono alla salute e alla linea. Infatti, gli autori dello studio ci hanno finalmente fornito le prove scientifiche di quello che, fino a ieri era semplicemente sotto i nostri occhi (leggi bilancia): mangiare cibi fritti da una a quattro volte a settimana o più (anche le patatine dell’aperitivo e le olive ascolane sono fritte!) ha un effetto sul peso due volte superiore nelle persone che sono predisposte geneticamente al sovrappeso.

Lo studio è particolarmente interessante perchè, per la prima volta, i ricercatori hanno analizzato la relazione tra obesità genetica, peso e un particolare gruppo di alimenti.

I ricercatori hanno analizzato i dati di più di 37mila uomini e donne americani. Attraverso l’uso di questionari, i ricercatori si sono focalizzati sul consumo di cibi fritti a casa e fuori, calcolando un punteggio del rischio genetico su 32 varianti genetiche associate al BMI (Body Mass Index) e obesità. Quelli con un rischio genetico più alto avevano un BMI doppio ed erano più sovrappeso rispetto a quelli con rischio genetico inferiore se mangiavano fritti fino a 4 volte a settimana.

Gli autori dello studio, a cui hanno partecipato ricercatori della Harvard School of Public Health e Harvard Medical School di Boston affermano: “abbiamo scoperto una significativa relazione tra cibi fritti e predisposizione genetica all’obesità. Questi risultati suggeriscono, per la prima volta, che le persone con una più elevata predisposizione all’obesità sono più suscettibili agli effetti indesiderati di un eccessivo consumo di fritti. Inoltre, l’abitudine a mangiare cibi fritti potrebbe addirittura avere effetti sulla predisposizione genetica all’obesità”.

© Sani per Scelta


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi