Strade più a rischio con il cambio dell’ora

Strade più a rischio con il cambio dell’ora

Mar 25 • News • 845 Views • Nessun commento su Strade più a rischio con il cambio dell’ora

Uno studio inglese dimostra che ora solare e ora legale non influenzano solo il sonno e l’umore, ma hanno un effetto anche sul numero e la tipologia degli incidenti stradali.

A cura di Cristina Ferrario

È stato ormai dimostrato che spostare le lancette dell’orologio un’ora avanti o indietro può influenzare i nostri ritmi circadiani arrivando anche a causare problemi al sistema immunitario o disturbi del sonno e dell’umore, come per esempio maggiore irritabilità e difficoltà a concentrarsi. Nel corso dell’ultimo Congresso EFORT (European Federation of National Associations of Orthopaedics and Traumatology), svoltosi a Berlino nel 2012, è emerso però che questi cambiamenti di orario apparentemente insignificanti hanno conseguenze non trascurabili anche a livello di sicurezza stradale come dimostra il fatto che nei periodi immediatamente successivi ai cambi d’ora si modificano in modo sostanziale il numero e il tipo di incidenti stradali e le categorie di persone coinvolte.

MOTOCICLISTI IN PRIMAVERA E PEDONI IN AUTUNNO

Alla base dei risultati presentati da Joseph Alsousou (Oxford), primo autore della ricerca, ci sono i dati relativi agli incidenti stradali raccolti nel decennio 1996-2006 dal Ministero dei Trasporti del Regno Unito. I ricercatori hanno posto particolare attenzione alle 4 settimane immediatamente precedenti e successive ei cambi di ora e hanno valutato nel dettaglio diversi gruppi di “utilizzatori” della strada (pedoni, automobilisti, motociclisti, eccetera). I risultati sono piuttosto interessanti e per certi versi sorprendenti: il numero di incidenti gravi e mortali che si verificano in prossimità dei cambi di ora non varia solo al variare del gruppo analizzato, ma anche dalla stagione che si prende in considerazione. E così in primavera, con il passaggio all’ora legale, si osserva un aumento generale degli incidenti in quasi tutte le categorie, ma chi paga il prezzo più alto sono i motociclisti con un + 42,2%, mentre va molto meglio ai pedoni con un -7.9%. In autunno le cose cambiano. Con il passaggio all’ora solare sono più numerosi gli incidenti gravi e mortali che coinvolgono pedoni (+29.2%) e automobilisti (+18.6%).

ALLA RICERCA DI NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE

Ogni anno dal 1996 tutti i Paesi che fanno parte dell’Unione Europea seguono lo stesso calendario di ora legale e ora solare: l’ultima domenica di marzo gli orologi si spostano in avanti di un’ora e si entra nell’ora legale, mentre l’ultima domenica di ottobre si fa un passo indietro e si rientra nell’ora solare. Questa politica nata con lo scopo di “risparmiare” energia sfruttando al massimo le ore di luce estive non serve a “risparmiare” vite umane, come affermano gli autori dello studio. “Non è ancora del tutto chiaro il legame tra ora legale/solare e aumento degli incidenti stradali” spiega Alsousou. “I fattori coinvolti sono molti e per i motociclisti potrebbero per esempio includere una ridotta visibilità, il cambiamento nell’utilizzo della strada legate alle variazioni della luce o disturbo dei ritmi circadiani”. “Servono nuovi studi sull’argomento per poter ideare e mettere in atto strategie di prevenzione davvero efficaci” conclude.

© Sani per Scelta


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi