Popcorn e cinema: pensavi di andare a vedere Bambi ma stai per diventare Godzilla

Gen 23 • Salute • 2416 Views • Nessun commento su Popcorn e cinema: pensavi di andare a vedere Bambi ma stai per diventare Godzilla

In questo periodo la programmazione al cinema è davvero di ricca sia per i bambini che per gli adulti.
Uno studio del Center for Science in the Public Interest (Cispi) mostra dati negativi sui valori di calorie, sale e grassi saturi delle porzioni di pop-corn vendute nei cinema statunitensi ma non diverse da quelle nei cinema italiani.

Il Cspi ha portato in laboratorio e analizzato le caratteristiche nutrizionali delle varie porzioni di popcorn venduti nei cinema americani: una porzione small size va da 370 a 670 kcal di cui tra il 20 e 57% sono grassi, mentre la big size supera anche di molto le 1.000 calorie con almeno il 60% di grassi. In pratica, la porzione piccola di popcorn ha le stesse calorie e grassi di una fetta grande di pizza o di 100g di pasta ben condita ma più povera in nutrienti. Infatti, in un prodotto che in effetti è un cereale soffiato (mais scoppiato con aria calda), nei cinema vengono preparati con oli vegetali di scarsa qualità che ne fanno un alimento poco sano. Inoltre, abbondando di sale, al cinema popcorn e bevanda zuccherata vengono vendute insieme, soprattutto nei menu per bambini. Risultato: «I cinema sono i nostri candidati al premio di Miglior Attore nell’Epidemia dell’Obesità – afferma la nutrizionista di Cspi Jayne Hurley – Chi si aspetterebbe 1.500 calorie e la razione di tre giorni di grassi blocca-cuore nella combinazione di popcorn e soda? Pensavi di andare a vedere Bambi, ma stai per diventare Godzilla!».

CURIOSITÀ: Da dove arriva l’abitudine di mangiare i pop-corn al cinema?
pop cornL’usanza di sgranocchiare pop-corn al cinema risale al tempo della Grande Depressione americana: grazie alla facilità nella preparazione e al basso costo, il “mais scoppiato” (traduzione di popcorn) era uno dei cibi preferiti dagli spettatori.

L’abbinamento cinema e popcorn divenne rapidamente un’abitudine: nel 1947, l’85% dei cinema americani aveva la macchina per prepararli, mentre due spettatori su tre li sgranocchiavano anche davanti alla televisione almeno quattro sere alla settimana.

© Sani per Scelta



NON RINUNCIARE A CINEMA E POP CORN MA SCEGLI BENE


Vuoi saperne di più o vuoi chiedere un parere ai nostri esperti? Scrivi alla redazione @

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi