Frigidità: donne dal piacere smarrito

Frigidità: donne dal piacere smarrito

Dic 12 • Donna, psicologia, Sani per Scelta • 565 Views • Nessun commento su Frigidità: donne dal piacere smarrito

Fino a non molti anni fa la scienza dava della frigidità definizioni che si focalizzavano su una mancanza della risposta sessuale delle donne incapaci di raggiungere piacere sessuale, giudicandole in modo negativo. Oggi però recenti studi eliminano i preconcetti sulla frigidità che cambia nome in “disturbi femminili del desiderio sessuale” perché non c’è niente di sbagliato in donne che hanno smarrito il senso del piacere.

La parola “frigidità”, usata come espressione insultante e giudicante, rimandava ad una freddezza sessuale, a donne etichettate negativamente alla stregua di “ frigoriferi” che avevano smarrito il senso del piacere. Frigidità veniva poi impropriamente attribuito indistintamente a donne anorgasmiche, cioè incapaci di raggiungere l’orgasmo, e a donne che soffrono di calo del desiderio. Studi recenti hanno fatto invece comprendere che la “frigidità” come concetto stigmatizzante non ha ragione di esistere, che non si può confondere la parte con il tutto”, cioè la disfunzione sessuale con l’intera personalità, e che l’attenzione va spostata verso l’origine prevalentemente “relazionale” della disfunzione sessuale femminile e verso i suoi riflessi psicosomatici. Pertanto è importante rivisitare il concetto “al femminile” di perdita dell’interesse sessuale, superando l’immagine fuorviante della donna fredda e senza impulsi sessuali, e sostituirla con la terminologia scientifica di “disturbi femminili del desiderio sessuale” che vuole togliere il preconcetto che ci sia qualcosa di sbagliato in donne che abbiano smarrito il senso del piacere.

Perché alcune donne perdono il senso del piacere?

Tante le possibili cause di tali disfunzionalità, da fattori educativi relazionali a traumi pregressi, a momenti di stress e di certo non ultimo le disfunzioni del partner con inadeguata stimolazione della sfera delle emozioni erotico sentimentali, che allontana la donna da ogni espressione emozionale e sessuale. Alcuni uomini maldestri e disattenti lamentano che a letto la compagna sia poco partecipe e pochi fanno autocritica dimenticando che la donna non è un automa e che ha esigenze di sensibilità, coinvolgimento e tenerezza. Addirittura alcuni uomini più vili a volte ne fanno l’alibi per tradire la donna dandole la colpa di rapporti sessuali insoddisfacenti e inadeguati e spesso questo giudizio diventa l’anticamera di un tradimento.

Ogni donna però sa che potrà essere più fredda e distaccata con un partner e più appassionata tra le braccia di un altro con cui vivere lampi di desiderio, un brivido di passione e non di avversione e con cui provare un piacere smarrito o mai vissuto. L’importante è saper riconoscere il problema, non negarlo e quando lo si avverte, rivolgersi ad esperti. La psicoterapia sessuale integrata, così si chiama il trattamento specifico per trattare i disturbi sessuali non dipendenti da cause mediche sia nella donna che nella coppia, può dare concrete risposte a chi ha smarrito il piacere emotivo e sessuale.


A cura di Giovanni Cacia

© Sani per Scelta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi