Rschio ictus drink

Dai 50 anni, due drink al giorno aumentano il rischio di ictus

Feb 3 • News • 685 Views • Nessun commento su Dai 50 anni, due drink al giorno aumentano il rischio di ictus

Dopo i 50 anni, quando il rischio di ictus aumenta, l’alcool sembra essere un fattore di rischio più temibile di diabete e ipertensione.

A dirlo, uno studio realizzato dall’autorevole Karolinska Institutet di Stoccolma in Svezia e pubblicato sulla rivista Stroke (Ictus) che per 43 anni ha studiato 11.644 gemelli svedesi di ugual sesso.
Lo scopo della ricerca era di verificare la presenza di un fattore variabile in funzione dell’età e del consumo di alcolici sul rischio di ictus, nonché di stabilire il ruolo di fattori genetici presenti all’inizio della vita. I dati raccolti dimostrano che due drink al giorno – un drink corrisponde a una lattina di birra da 330 ml, a un bicchiere di vino da 125 ml oppure a un bicchierino di superalcolico da 40 ml – aumentano del 34% le probabilità di subire un evento cerebrovascolare acuto (ictus) rispetto a chi ne beve soltanto mezzo.
Inoltre, l’autrice dello studio Nancy Pedersen sottolinea che, rispetto a chi non beve o beve poco,bere troppo nella mezza età anticipa di 5 anni le probabilità di andare incontro a un ictus, indipendentemente da eventuali fattori genetici. «Questi risultati implicano che il consumo di alcol dovrebbe essere considerato un fattore di rischio età-dipendente per l’ictus» conclude Pedersen.
A cura di Liana Zorzi
© Sani per Scelta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi