CISTITE E RIMEDI NATURALI: LA FORZA DEL CRANBERRY

Cistite e rimedi naturali: la forza del cranberry

Mar 31 • Salute, Sani per Scelta • 3697 Views • Nessun commento su Cistite e rimedi naturali: la forza del cranberry

PUBBLIREDAZIONALE

Bruciori e frequenti stimoli ad urinare possono essere i primi segni di disturbi alle vie urinarie.

Ogni anno, in Italia, vengono effettuate circa 4 milioni di diagnosi di cistite, una problematica fastidiosa, più frequente nei periodi di stress o in estate, che colpisce circa il 30% delle donne tra 20 e 40 anni contro l’1-2% degli uomini. Tra i fattori di rischio descritti dalla Società Italiana di Urologia – frequenti rapporti sessuali, uso del diaframma o di creme spermicide, uso indiscriminato di antimicrobici, alterazioni anatomiche – troviamo anche la menopausa, a causa della riduzione degli estrogeni che altera la normale struttura della vagina rendendola più esposta alle infezioni batteriche.

Bere molto e una breve terapia antibiotica possono aiutare ad alleviare i sintomi. Esistono però alternative naturali ed efficaci che hanno dimostrato di possedere un benefico effetto sulle vie urinarie senza però determinare antibiotico-resistenza. Infatti, le infezioni urinarie ritornano (recidivano) in circa il 20% dei casi, richiedendo ancora antibiotici e aumentando il rischio che i batteri diventino, appunto, resistenti alla terapia.

CranberryL’azienda Named specializzata nella medicina naturale, ha messo a punto un integratore scientificamente testato che, grazie a Mirtillo rosso americano (Cranberry), Ortica, speciali Enzimi e Betaglucano, favorisce la corretta funzionalità delle vie urinarie. In particolare: l’Ortica aiuta il drenaggio dei liquidi corporei ed esercita un’azione depurativa sull’organismo; gli Enzimi (bromelina, papaina, tripsina e chimotripsina) favoriscono le naturali difese dell’organismo; il Betaglucano modula il sistema immunitario; il Cranberry aiuta la funzionalità delle vie urinarie impedendo ai batteri responsabili della cistite di aderire alle mucose.

Secondo uno studio pubblicato su Canadian Journal of Microbiology nel 2013 realizzato da un team di ricercatori della McGill University (Montreal, Canada), la polvere di cranberry ha dimostrato di inibire le capacità di movimento del Proteus mirabilis, un batterio spesso associato a gravi infezioni del tratto urinario. Secondo gli esperti, concentrazioni crescenti di mirtillo rosso riducono la produzione da parte del batterio di ureasi, un enzima che contribuisce a determinare la gravità dell’infezione.

È consigliabile sentire il parere del proprio medico o farmacista di fiducia prima di intraprendere il trattamento con Wobenzym bact e, nelle fasi acute, proseguire la cura per almeno 10 giorni.

Info: 800-203678

www.named.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi